C’era una volta, una canzone di Lucio Dalla.

No. C’era una volta, la canzone di Lucio Dalla. Divenuta nel tempo un classico della musica italiana.

Benché Dalla ha composto parecchi canzoni famose come 4 Marzo 1943, Futura, L’Anno che verrà e certamente Caruso, quella che meglio definisce questo grande cantautore e poeta è stato Piazza Grande.

Piazza Grande è un brano composto nel 1971 da Lucio Dalla e Ron per la musica e da lucio-dalla-quello-che-comaschi-mi-ha-detto-di-lucio-dallaGianfranco Baldazzi e Sergio Bardotti per il testo.

Parliamo un po’ di Ron. Il suo vero nome è Rosalino Cellamare e fa il cantautore dal 1970. L’artista della Lombardia è diventato più famoso con il suo lavoro con Lucio Dalla.

Gianfranco Baldazzi è nativo di Bologna, come Lucio Dalla. È un grande paroliere che ha scritto per Dalla ma anche per Gianni Morandi, Fiorella Mannoia e… Ron !

Sergio Bardotti ha scritto per i più grandi come Sergio Endrigo, Chico Buarque, Antonello Venditti e molti altri.

Piazza Grande fu presentata al Festival di Sanremo presenta dal 24 al 26 febbraio 1972 e si classifica all’ottavo posto. Nicola Di Bari ha vinto con la canzone I giorni dell’arcobaleno.

1971-1972 in Italia : anni di piombo, di terrorismo politico e di canzoni
In Italia, siamo nel mezzo degli anni di piombo. Sono momenti di grandi disturbi politichi, sociali ed economici. Ci sono violenze politiche a destra come a sinistra.

Le rivolte raggiungono molte regioni, soprattutto l’Emilia Romagna. Più al Sud, il Movimento Sociale Italiano diventa il primo partito nell’opinione pubblica.

E un fenomeno che occupa molto posto nell’Europa.

Gli artisti italiani non ignorano queste situazioni. La grande maggioranza di essi sono a sinistra. È un tempo di grande produzione di canzoni sociali. Guccini (La Locomotiva, L’avvelenata, Dio è morte), Vecchioni, Claudio Lolli, De Gregori, Venditti, Gaber, etc.

Anche Lucio Dalla tratterà di temi sociali ma forse con più di poesia, d’ironia che gli altri.

Piazza Grande
Lucio Dalla trova l’ispirazione osservando un uomo alla piazza Cavour, una piccola piazza di Bologna. Dentro questo luogo, aveva visto un senzatetto o “barbone” che cerca a mangiare.

Gianni Morandi doveva cantarla. Ma Dalla non voleva rinunciare al pezzo e riesce a presentarsi al Festival, contro la volontà della sua casa discografica.

Allora, cominciamo per ascoltare la canzone e dopo, parlerò del testo. Possiamo seguire con le parole che vi ho dato.

Come ho detto davanti, Piazza Grande è dedicata a un barbone che Dalla aveva osservato nella piccola Piazza Cavour… Pensava che la canzone era una specie di omaggio al simbolo della città di Bologna, la grande Piazza Maggiore, ma no ! Dalla aveva realmente visto il suo povero senzatetto alla Piazza Cavour !

Lo sappiamo dalla bocca di Ron che ha raccontato l’aneddoto per il giornale Il Fatto Quotidiano.

Piazza Grande racconta la storia da quel signore che vive senza tetto, ha fame, ha sete, si sente solo, ma la piazza lo fa sentire come a casa. Lo fa sentire come una persona normale.

La canzone ci insegna a non giudicare la gente. È anche una specie d’Inno a una libertà senza padrone, senza obblighi. Fa pensare sulla povertà, ma con una poesia e un’ironia leggere e colorata. Non è pesante o piena di sdegno come le canzoni di Franceso Guccini.

Per Lucio Dalla, Piazza Grande è solamente una canzone !
«È solo una canzone. Io non sono di quelli che hanno bisogno di sentirsi definire poeti, le canzoni non hanno a che vedere con la poesia, hanno una loro autonomia, sono frutto di un percorso loro, di una ricerca che ha una sua dignità e un suo posto nell’immaginario collettivo, nella memoria di tutti, credo sia stato riconosciuto anche questo» – Lucio Dalla

Il brano ha dato il nome all’associazione « Amici di Piazza Grande onlus », che opera a Bologna dal 1993, con lo scopo di dare cure e assistenza alle varie persone indigenti e senza dimora.

Il s’agit ici d’un devoir pour ma classe d’italien au Centro Leonardo Da Vinci, à Saint-Léonard.

Répondre

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l'aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion /  Changer )

Photo Google

Vous commentez à l'aide de votre compte Google. Déconnexion /  Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l'aide de votre compte Twitter. Déconnexion /  Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l'aide de votre compte Facebook. Déconnexion /  Changer )

Connexion à %s